Salvatore Paone Sr.

Salvatore Paone Sr.

Consigliere comunale di Maida e Consigliere dell'Unione "Monte Contessa" collabora con il quindicinale Il Lametino e già collaboratore di Calabria Ora.

Twitter: @salvatorepaone

URL del sito web: http://www.pienosviluppo.it

Rivolgo a voi un appello

Elettrici ed Elettori,

in chiusura di campagna elettorale, rivolgo a voi un appello: quello di andare a votare, di non disertare le urne. Questa volta il voto acquista un significato particolare: dobbiamo essere noi, cittadini di Maida, a scegliere un futuro di progresso per la nostra comunità e lo dobbiamo fare per un preciso dovere nei confronti delle prossime generazioni, facendo prevalere il bene della comunità sull’interesse dei singoli.

Avete avuto modo di ascoltare i comizi, leggere i programmi elettorali e ora spetta a tutti i cittadini scegliere in modo libero e consapevole, senza condizionamenti.

È evidente che siamo ad un bivio: da una parte c’è l’ennesima riproposizione del vecchio, dall’altra c’è la credibilità di una seria proposta politica e programmatica con alle spalle un’efficace attività di opposizione; questa credibilità è rappresentata dalla lista n. 2 di Libertà è Partecipazione.

Non vedo alternative: dobbiamo recarci ai seggi ed assumerci la responsabilità delle scelte o gli altri sceglieranno per noi. Mettiamoci in pace con la coscienza e guardiamo al futuro con l’ottimismo della volontà.

Buon voto a tutti.

Cambiamo il nostro Comune

È tempo di dare un cambio di direzione e di rendere concreta la speranza di un futuro migliore per la nostra comunità. Dobbiamo trovare il coraggio di dimostrare, innanzitutto a noi stessi, che c’è un confine che è necessario non oltrepassare, un confine che si chiama dignità, rispetto delle persone e dei luoghi: Maida, Vena, Balzano, Carrà.

La Maida che noi tutti vogliamo, ne sono certo, non è quella che specula sulla disperazione della gente, sul bisogno, sulle false speranze.

La Maida che vogliamo deve puntare sulla politica intesa come servizio, in grado di creare le condizioni perché ci sia sviluppo, occupazione, crescita del territorio. Ma per farlo servono innanzitutto le mani pulite.

Non ci può essere bene per la collettività se si approfitta della politica solo per fare i propri interessi, se si mettono gli interessi particolari prima dell’interesse pubblico.

Non eredito nulla se non l’onestà di una famiglia che mi ha insegnato la serietà, la coerenza, l’onestà, la sincerità, la dedizione e l’amore per la mia terra, lo spirito di sacrificio, oltre che la ferma volontà di onorare sino in fondo gli impegni presi, di lottare per quello in cui si crede.

Per una Maida che sceglie, decide, partecipa, che vuole ed è pronta per il cambiamento.

Candidato Sindaco di Maida

Dr. Salvatore Paone

Apertura campagna elettorale a Maida

Sabato scorso presso l’ex cinema di Maida è stata aperta la campagna elettorale del movimento civico Libertà è Partecipazione che, insieme al Partito Democratico, sostengono la candidatura a Sindaco di Salvatore Paone.

Legalità, trasparenza e sviluppo del territorio gli argomenti guida della serata, che è stata soprattutto l’occasione per illustrare, davanti ad un’attenta e numerosa platea, le linee guida del programma elettorale.

Ad avviare l’assemblea, in rappresentanza di “Libertà è Partecipazione”, Giulio Loprete, il quale dopo aver ricordato il percorso che ha portato all’attuale apertura di campagna elettorale, ha introdotto l’intervento del consigliere provinciale e Sindaco di Sellia S. Davide Zicchinella.

Bilancio di previsione 2016, ci risiamo

Approvato con un solo voto di scarto il bilancio di previsione 2016 del Comune di Maida. Il consiglio comunale approva dunque con una maggioranza ormai risicata, solo quattro voti contro i tre della minoranza. E’ stata questa l’occasione per il principale movimento di opposizione, Libertà è Partecipazione, di sollecitare un’approfondita discussione sul bilancio e avanzare chiarimenti su una serie di voci di entrata e spesa.
In particolare il movimento civico, attraverso il proprio capogruppo in consiglio comunale, ha messo in rilievo alcune problematiche maggiormente sentite dalla popolazione: in particolare la carenza idrica (nonostante siano stati impegnati nell’ultimo anno 90.000 euro per nuovi pozzi idrici) e la sempre più sentita esigenza di vedere l’amministrazione maggiormente impegnata verso una seria politica di integrazione rispetto alla numerosa popolazione di immigrati (oltre 350 persone).
Riprendendo un recente comizio tenuto in piazza Garibaldi l’opposizione ha sottolineato come nel nuovo bilancio non ci sia traccia di politiche di integrazione, nonostante i continui episodi di dispersione scolastica, caporalato diffuso ed episodi discutibili che hanno riguardato specie nell’ultimo periodo la sicurezza pubblica, e tali da rendere ormai improrogabile un maggiore impegno e coordinamento di tutte le istituzioni locali su quello che sta diventando, anziché una potenzialità per il territorio, un problema troppo sottaciuto.

Creare debiti per le future generazioni... vecchie "strategie" politiche a Maida

Stamani si è svolto un consiglio comunale dove la maggioranza consiliare ha deciso e votato l'accensione un mutuo trentennale di euro 1.218.567,17 per coprire una serie di debiti che ora graveranno purtroppo pesantemente sulle future generazioni.
Libertà è Partecipazione ha votato contro motivandolo con il seguente intervento letto in consiglio comunale.

Odg. Variazioni di bilancio (accensione mutuo per euro 1.218.567,71)

Colleghi,
è con profonda amarezza che oggi assisto al fallimento totale dell’amministrazione targata Amantea. Se avessi immaginato un epilogo della lunga stagione politica e amministrativa che ha visto il potere quasi incontrastato di questo sindaco, non mi sarei mai sognato questo.
Speravo che l’ incapacità, l’ inadeguatezza e la superficialità di questa maggioranza non arrivassero fino a questi livelli. Oggi l’amministrazione Amantea si assume una grave responsabilità politica, amministrativa, finanziaria e non ultima morale che mai nessun altro amministratore locale aveva osato assumersi prima: per coprire un debito nei confronti della regione e relativo al canone dell’acqua non pagato dal Comune per gli anni che vanno dal 1981 al 2004 oggi si decide di indebitare Maida e le future generazioni dei contribuenti per un importo di un milione e 218 mila euro per i prossimi 30 anni.

Agricultura e sud, per uno sviluppo a misura d'uomo

Può esserci sviluppo futuro per la Calabria senza provare a valorizzare e ripartire dalle risorse principali del nostro territorio come agricoltura ed enogastronomia? Prendendo spunto e presentando il bel libro "Il cuore e la terra" degli autori Franco Laratta e Nicodemo Oliverio, cercheremo di rispondere al quesito. L'evento vuole anche essere occasione per fornire informazioni dettagliate sulle più recenti misure a sostegno dell'agricoltura nel Sud e in Calabria, come i finanziamenti ISMEA e il nuovo PSR 2014-2020. Relazioneranno, oltre agli autori del libro, anche il Presidente regionale della Coldiretti Pietro Molinaro e il responsabile dell'Augorità di Gestione del PSR per la Regione Calabria Alessandro Zanfino. Concludererà il Vicepresidnete regionale Antonio Viscomi. Sono invitati operatori del settore, amministratori e cittadini.

 

L'iniziativa del rione San Pietro

Grande successo per la serata organizzata dagli abitanti di Rione San Pietro, uno dei più antichi rioni nel centro storico del Comune di Maida. Un intero rione che si è preparato per accogliere la comunità e anche tanta gente proveniente da fuori con balli, giochi, musica e tanti prodotti enogastronomici.  Una  bella iniziativa dal sapore antico che sulla scia della Notte Bianca di Maida di qualche sera prima ha attratto tanti visitatori. Una serata all’insegna della tradizione, del cibo e della musica con il graditissimo concerto del gruppo Unda Maris che ha letteralmente coinvolto e fatto divertire i cittadini presenti con balli, tarantelle e canti popolari.

Il Caldo, il Buono, il Brutto e il Cattivo

Stamani abbiamo scoperto con piacere che il nostro comunicato di ieri sera ha avuto l’immediato effetto positivo di far risvegliare (come sempre in ritardo) almeno il ristretto gruppo familiare e di amici che appoggia l’attuale compagine amministrative dal lungo torpore e silenzio su fatti gravissimi che riguardano la sicurezza a Maida, in particolare sui recenti e diffusi incendi che hanno riguardato auto in pieno centro storico e non solo. Bene, siamo molto contenti di dettare l’agenda politica anche su un tema da sempre sottovalutato dal movimento familiare ed ereditario “Insieme per Maida”. Ma non ci basta. Nessun allarmismo irresponsabile da parte nostra o tentativi di raccogliere quattro voti, come pensano superficialmente di far credere ai cittadini di Maida, sia perché i cittadini ci conoscono bene e conoscono la nostra serietà e sia perché abbiamo a Maida centro ampiamente dimostrato di non averne bisogno.

A noi non interessa essere catalogati come i buoni, i brutti o i cattivi, a noi interessa che a Maida si prendano provvedimenti seri. Da quanto scrive il gruppo familiare che sostiene la compagine amministrativa emerge anche il diverso stile di intendere la cosa pubblica: da parte nostra una dura e immediata presa di posizione politica su fatti gravissimi (sorpresi anche dal silenzio assordante del Sindaco, in genere ultimamente molto attivo in fatto di lettere pubbliche), dall’altra il tentativo ridicolo di utilizzare fatti seri per denigrare l’avversario politico.

Sposa: fascino ed eleganza senza tempo

Grande consenso e successo di pubblico per la serata intitolata “Sposa: fascino ed eleganza senza tempo” , iniziativa organizzata e curata dalla Proloco di Maida. L’evento, senz’altro tra i più originali dell’intero programma estivo maidese, ha affascinato proprio tutti grazie al connubio che ha visto alternarsi in una mirabile sfilata, gli abiti da sposa moderni e del passato. La prima parte della serata ha visto protagonista una vera e propria sfilata di vestiti attualissimi confezionati e prodotti da “Sposa Glamour” di Vittoria Benincasa.

Un momento della serataLa seconda parte ha visto invece l’affascinante viaggio a ritroso nel tempo con la sfilata, di vestiti da sposa che hanno abbracciato dagli anni 2000 sino ad arrivare al 1952.Particolarmente emozionante è stato vedere indossare alle ragazze di oggi gli abiti delle loro mamme o delle loro nonne. A condurre la Presidente Proloco Maria Teresa Cinque insieme ad Achille Colacino, che hanno premiato nel corso della serata la signora Vincenza Pileggi che per tanti anni si è occupata di consigliare e vestire centinaia di giovani spose. Oltre alla sfilata è stata allestita anche una corposa mostra fotografica per riportare alla memoria i matrimoni svolti a Maida nel passato, mostra che ha attraversato con foto in bianco e nero i vari decenni per arrivare fino ai primi anni del secolo scorso. Hanno allietato la serata Francesco Scaramuzzino e il suo Quartet con vari pezzi del panorama jazzistico contemporaneo.

Sottoscrivi questo feed RSS
Back to top