Partito Democratico di Maida E Vena In evidenza

UN PARTITO DEMOCRATICO AUTONOMO DA OGNI MOVIMENTO POLITICO LOCALE, MA PRONTO AL DIALOGO CON TUTTI

Dopo le ultime elezioni politiche perse dal centrosinistra, Walter Veltroni e il Partito Democratico hanno avviato un processo di radicamento e organizzazione sul territorio che va nella direzione di dare vita ad un partito nuovo e più vicino alle problematiche dei cittadini.Sarà un lavoro molto intenso che interesserà in tutta Italia i circoli territoriali che dovranno essere costituiti entro la fine di settembre. Anche a Maida, dove il PD alle ultime elezioni politiche è risultato essere il primo partito con 932 voti (37,95%), dobbiamo prepararci per questo grande lavoro organizzativo. Per quanto riguarda il mio ruolo, solo tre mesi fa e all’unanimità sono stato eletto coordinatore del PD maidese con il compito di guidare la fase costituente del partito.Credo però, che affinché il mio lavoro in tal senso venga considerato trasparente, credibile e soprattutto aggregante, sia evidente il bisogno innanzitutto di chiarire la mia attuale posizione politica. Da questo punto di vista ritengo essere terminato il mio personale impegno all’interno del cartello elettorale Unione Democratica.

Questo perché è necessario che il mio ruolo non si presti a qualsivoglia tipo di strumentalizzazione e poter così avviare una nuova fase che faccia crescere attorno al Partito Democratico un progetto politico nuovo, aperto al confronto con tutte le forze politiche e i movimenti locali che vogliano dialogare sulle questioni e le problematiche che interessano la nostra comunità. Maida non ha bisogno più di contrapposizioni personalistiche e della politica del muro contro muro, ma invece ha bisogno di un ritorno alla politica che ascolti i problemi dei cittadini e ponga a chi governa le giuste domande, prospettando anche giuste proposte e soluzioni, cercando nel contempo di unire quelle forze giovani rimaste a Maida ed evitando di alimentare negli stessi giovani un inutile spirito di divisione.Ormai è mia convinzione che sia divenuta opinione diffusa in molta parte dei cittadini maidesi la consapevolezza di una situazione che vede Maida da anni in forte declino sotto l’aspetto economico, sociale e culturale.Di fronte a questo drammatico stato di cose è necessario un cambio di vedute della politica locale, che ritengo possa venire solo da un dibattito franco e aperto all’interno di un soggetto politico nuovo e organizzato, pronto al dialogo con tutti, un ruolo questo che credo il nuovo Partito Democratico possa tranquillamente ricoprire organizzandosi nel migliore dei modi sia a Maida che a Vena.

Il presente documento, come è ovvio che sia, è anche da ritenersi, alla luce della mia attuale carica politica, una presa di posizione precisa da considerare come contributo alla discussione interna al partito che porterà entro la fine di settembre all’elezione del nuovo Segretario politico locale e degli organismi dirigenti.Di certo non mi sfugge che il primo nodo da sciogliere e chiarire nel dibattito interno al PD sarà quello di cercare di affrontare le contraddizioni e le posizioni politiche divergenti in seno al consiglio comunale di soggetti che hanno deciso di aderire al PD. Credo che l’unico modo di superare tali divergenze sia quello di riportare il confronto sul piano della dialettica politica, e questo sarà il primo e più difficile compito mio e di chi deciderà di partecipare al dibattito interno.

Serve dunque avviare una chiara e pacata discussione politica che dovrà partire da alcuni punti che rappresentano un programma minimo attorno al quale intendo impegnarmi dal mio ruolo di coordinatore del PD maidese e che sono:

1) rinnovamento e ringiovanimento della classe politica locale con un maggiore coinvolgimento anche dell’elemento femminile alla vita politica maidese;

2) maggiore rapporto con i cittadini e lancio di un nuovo progetto politico capace di parlare e aperto alla discussione con tutte le anime politiche, le associazioni, i movimenti e i partiti presenti a Maida;

3) portare avanti una politica di unità e di recupero dello spirito di comunità contro la tentazione della politica della contrapposizione che nessun beneficio porta alla crescita della nostra comunità;

4) sul lato dello sviluppo, recupero delle tradizioni storiche, artistiche e architettoniche di Maida e Vena.

Attorno a questi punti intendo impegnarmi, consapevole che questa azione politica potrà avere successo solo attraverso il contributo e l’impegno non di una singola persona, bensì di una squadra e di un gruppo ben affiatato di individui che remino tutti coerentemente e senza personalismi nella stessa direzione.

MAIDA, 8 GIUGNO 2008 Salvatore Paone (coordinatore PD - Maida)

Leggi tutto...

Resoconto incontro amministrazione e commercianti di Maida In evidenza

AVVIATO UN DIALOGO TRA AMMINISTRAZIONE E COMMERCIANTI: ORA BISOGNA LAVORARE AD UN PROGETTO DI RILANCIO

L’incontro svolto circa una settimana fa tra il neo costituito movimento commercianti di Maida e l’amministrazione comunale ha avviato un dialogo molto importante, un incontro impostato su tutta una serie di proposte avanzate dai commercianti alla presenza del Sindaco, altri amministratori e numerosi operatori economici locali.

In particolare i rappresentanti del movimento hanno chiesto una maggiore attenzione nella direzione della pulizia e ordine del paese, un impegno nell’immediato per un estate maidese che veda impegnati e coinvolti nell’organizzazione di qualche evento anche gli stessi commecianti e infine un impegno nel lungo periodo nella direzione di reperire tutte le risorse economiche

possibili per avviare gradualmente il recupero del nostro bellissimo centro storico.

L’amministrazione, nella persona del Sindaco è apparsa disponibile a dare segnali in questo senso. La riunione è terminata con la creazione di un coordinamento che dovrà elaborare proposte più dettagliate da realizzare già a partire nell’ormai imminente periodo festivo.

Il coordinamento è composto da un rappresentante dell’amministrazione, dalla Proloco e da un gruppo di commercianti che hanno dato la propria disponibilità tra i presenti. Il coordinamento tuttavia è aperto a tutti quei cittadini e operatori economici che vogliano dare il proprio contributo di idee.

Leggi tutto...

Movimento Commercianti

INCONTRO TRA AMMINISTRAZIONE E MOVIMENTO COMMERCIANTI DI MAIDA PREVISTO PER GIOVEDI' 29 MAGGIO 2008

Dopo la riunione svoltasi giovedì 22 maggio, nella quale i commercianti e diverse altre attività artigiane e produttive si sono incontrate e hanno discusso sulle varie problematiche che riguardano Maida e in particolare sul degrado economico in cui versa la nostra comunità, si è deciso nella stessa sede di dare vita ad un movimento di operatori economici maidesi che con spirito costruttivo e propositivo chiederanno incontri alle varie forze e associazioni presenti sul nostro territorio. Il primo incontro sarà con l’amministrazione comunale GIOVEDI' 29 MAGGIO ORE 17 PRESSO LA SALA CONSIGLIARE per discutere le proposte che il movimento intende avanzare su temi che riguardano un comune progetto di rilancio del commercio e dell’economia locale e più in generale della nostra comunità.

Leggi tutto...

Rassegna culturale In evidenza

XV RASSEGNA CULTURALE FOLCLORISTICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE MINORANZE ETNICHE

SFAQJA XV KULTURORE FOLKLORIKE PËR VLERESIMIN E PAKICAV ETNIKE

Vena di Maida

31 MAGGIO 2008

a cura di:

Istituto Comprensivo di Maida e Amministrazione Comunale di Maida con la collaborazione delle Associazioni presenti nel territorio.

Leggi tutto...

Teatro venoto In evidenza

SUCCESSO PER IL RITORNO IN SCENA DEL GRUPPO TEATRALE VENOTO “SENZA PRETESE”

Il ritorno in scena del gruppo teatrale “senza pretese” si è rivelato un grande successo grazie alla commedia in vernacolo calabrese “Li ditti dell’anticu” in tre atti unici presentatata presso il centro della cultura G. De Rada. La compagnia, che ormai da anni svolge la propria attività, ha voluto valorizzare la cultura e la tradizione popolare, offrendo anche ai giovani, la possibilità di far conoscere, attraverso le rappresentazioni, il patrimonio di una cultura che appartiene a tutti e che non conosce età. Circa una quarantina gli interpreti in scena, segnale di un gruppo che non preclude nessuno, aperto a chi è pronto a mettersi in gioco per sviluppare, attraverso il teatro, occasioni di crescita e di scambio reciproco. Attori che in un ambiente accogliente e gremito di spettatori hanno fatto rivivere le vicende dei diversi personaggi, facendo riecheggiare nell’ampio auditorium, risate e sghignazzi. In allegria e con modi talvolta grotteschi, gli attori, giovani e meno giovani, hanno riportato alla memoria i detti del passato. Nei tre atti unici, infatti, sono state presentate le simpatiche vicende dove i personaggi, ora buffi e bizzarri, hanno coinvolto con il loro brio, la platea del pubblico. Detti come“cu cerca tardu o prestu trova” o ancora “cu grossi li spara a mu pate mu s’impara” e per finire “paga lu giustu pe lu peccature”, sono divenuti il filo conduttore delle tre divertenti storie. La scenografia ha permesso un’ambientazione adatta degli atti così da rievocare anche attraverso le immagini i posti di un tempo quali “la bettola de donna Laura”, in cui si sviluppano le vicende della zitella in cerca di marito o ancora la storia di Golia, “lu bumbaru”, abituato a spararle grosse che dovrà subire le conseguenze del suo nefasto comportamento. Una commedia ricca di colpi di scena, divertente ma anche capace di sviluppare momenti di riflessione perché dietro ogni detto e proverbio messo in scena c’è sempre un insegnamento al quale non possiamo venir meno. Impeccabile la regia curata da Giuseppe Giordano, soddisfatto per la riuscita dell’evento. “La grande partecipazione del pubblico è la testimonianza dell’importanza di creare momenti di aggregazione attraverso il teatro – afferma Giordano”.

Leggi tutto...

Eolico a Vena di Maida In evidenza

L'EOLICO E' BELLO PURCHE' RISPETTI VINCOLI PAESAGGISTICI E POTENZIALITA' DI SVILUPPO DEL TERRITORIO:

LA SITUAZIONE A "PIANI DI VENA" COMUNICATO AI CITTADINI

Nei giorni scorsi la società Asja Ambiente Italia ha procedutoa presentare istanza per il rilascio dell’autorizzazione definitiva per la costruzione della linea elettrica in cavo interrato a servizio dell’impianto eolico che interesserà l’area "Piani di Vena".Si tratta di uno dei tanti impianti previsti negli ultimi anni nel territorio di Maida che ancora una volta non tiene in debita considerazione l’ubicazione e le potenzialità delle zone interessate. Per esempio, nel caso di “Piani di Vena”, stiamo parlando di una zona a forte richiamo naturalistico e con la particolarità di piante secolari con elevata vocazione olivicola, di alto pregio qualitativo, ricadenti in aree DOP e che in diverse centinaia andrebbero ad essere estirpate. A ciò andrebbe anche considerata la collocazione specifica dei “Piani di Vena” che si affaccia su una delle zone commerciali più dinamiche presenti oggi in Calabria e che dunque potrebbe rappresentare, se ben valorizzata, un’area di sicuro sviluppo economico per l’intera comunità di Vena. Tuttavia sembra che ancora una volta la mancanza di una regia a livello provinciale e regionale che abbia il compito di individuare i luoghi dove sistemare i tanti impianti eolici che stanno sorgendo nella nostra provincia, salvaguardando le zone che potrebbero essere utilizzate per un diverso sviluppo e, ancora di più, la miopia di una parte cospicua della classe politica locale che non è in grado di pensare ad un serio progetto politico di sviluppo del territorio, ha determinato una situazione che non può e non deve essere tollerata dai cittadini di Vena e di Maida.“Piani di Vena” rappresenta l’emblema di una gestione sbagliata a tutti i livelli della fonte energetica eolico, in quanto questa zona significa per Vena, come detto sopra, una non disprezzabile e sottovalutabile possibilità di sviluppo futuro. Già solo l’impatto visivo che un’opera di questo genere determinerebbe rappresenta un fattore di degrado e di negatività per l’intera comunità. L’appello che ci sentiamo di rivolgere come comitato promotore a difesa del territorio è rivolto agli amministratori di ogni colore politico, alle forze politiche di Maida e a tutti i cittadini di Maida e Vena, affinché uniscano le proprie forze per opporsi ad un progetto che danneggerebbe il futuro del nostro Comune e apporterebbe alla nostra comunità più danni che benefici.

Comitato promotore contro il “Parco eolico Piani di Vena”

Leggi tutto...

Risultati elettorali Maida - Camera 2008

Emerge anche dai dati elettorali delle elezioni politiche a Maida un sostanziale crollo della Sinistra Arcobaleno. Una clamorosa scomparsa , proprio mentre ci si attendeva invece l'ennesimo exploit per il partito locale guidato da Francesco Dattilo e Franco Gigliotti che evidentemente nulla hanno potuto per fermare un trend molto negativo che ha riguardato a livello nazionale la nuova formazione con leader Fausto Bertinotti. Ben saldo invece il primato del Partito Democratico mentre cresce a Maida in maniera poderosa il centrodestra con il Pdl di Berlusconi.

Leggi tutto...

risultati elettorali 1° turno - provinciali 2008

Le provinciali a Maida hanno espresso una sorpresa nella performance elettorale di Salvatore Paone che con ben 565 voti a Maida centro sbaraglia gli avversari diretti senza l'apporto di alcun simbolo di partito, se non quello della lista Popolari Democratici, e senza alcun ruolo istituzionale. Buona affermazione anche del Vicesindaco Valeria Fedele che forse si aspettava un risultato più consistente che magari la sospingesse verso l'elezione, mentre molto indietro Elia Folino Gallo che chiude la sua corsa solitaria ridotta a spuntare qualche voto affidandosi alla periferia:

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Back to top