Laura di via Portella, avviata la procedura di vincolo storico In evidenza

Nel programma di tutela del patrimonio storico, artistico e naturale, ITALIA NOSTRA - sezione di Catanzaro - ha avviato una prima procedura relativa al vincolo storico della laura di contrada Portella, nel centro storico di Maida. Premesso che - il centro storico di Maida, di fondazione altomedievale, conserva ancora oggi caratteri tipicamente medievali, quali l’impianto urbano, il castello, le chiese, i granai a fossa e altre opere d’arte, mobili e immobili, civili e sacre, di notevole pregio artistico-architettonico; - sulla rupe su cui sorge il centro di Maida sono esistite numerose grotte (laure) sia sul versante orientale che su quello occidentale; - l’unica supersite laura, di proprietà del Comune di Maida, è sita lungo la via Portella (già contrada delle Laure) nella zona perimetrale est del centro storico, appena sotto il bastione nord-est del castello.

La sua storia è legata alla religione di rito greco bizantino del periodo altomedievale, quando i monaci, seguaci di San Basilio Magno e fuggiaschi dal medio oriente a causa delle lotte iconoclaste (VI-IX sec.), vivono da eremiti in comunità semplici, pregando e coltivando la terra. Considerata - l’altalenante e inadeguata attenzione da parte delle varie classi dirigenti locali, susseguitesi negli ultimi decenni, e la loro insensibilità alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio storico-culturale, artistico-architettonico e paesaggistico di Maida; la perdita d’identità del centro storico innescata dal radicato abusivismo edilizio; - la mancanza di un piano di recupero che possa tutelare l’identità storica; - la perdita di altre laure, non più visibili perché inglobate dalle nuove costruzioni edilizie; - la condizione di degrado e abbandono relativa alla laura in oggetto, piena di depositi e occultata dai cassonetti dell’immondizia disposti a chiusura del vano principale. Inoltre, la rupe su cui è scavata la grotta evidenzia in parte una roccia affiorante notevolmente lesionata e in parte è coperta dalla vegetazione spontanea. La stessa scarpata è attraversata da uno scarico di acque nere contenuto in un tubo di pvc a vista, a servizio di una abitazione posta a pochi metri sopra la quota della laura. Tutto ciò premesso e considerato, visto il valore storico, paesistico e antropico che detiene la laura in oggetto, si è provveduto alla richiesta di vincolo storico alla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria e ai relativi uffici preposti, affinché la laura sia assoggettata ad adeguata tutela. Per conoscenza la pratica è stata sottoposta all’attenzione del Sindaco di Maida. Alessandro Ciliberto - Dirigente di Italia Nostra, sezione di Catanzaro.

Ultima modifica ilMercoledì, 29 Gennaio 2014 09:32
Alessandro Ciliberto

Alessandro Ciliberto, dottore di ricerca in Pianificazione e Progettazione della Città Mediterranea, Università Medi terranea di Reggio Calabria

Sito web: www.italianostra.org

Ultimi da Alessandro Ciliberto

Back to top